Ultime notizie

Il Parrocchetto Monaco

Il parrocchetto monaco è un pappagallo che negli ultimi anni ha riscosso un grande successo nelle case e negli allevamenti amatoriali. E’socievole, curioso, riesce anche ad ripetere qualche parola ed intonare dei motivetti grazie alla sua intelligenza. Scopriamolo insieme:

Habitat e cenni generali sul Parrocchetto monaco:

Il Parrocchetto Monaco appartiene alla famiglia degli psittacidi, popola le zone del sud America, principalmente in Brasile, Uruguay, Bolivia e Argentina, dove viene scacciato e non ben visto perchè danneggia le coltivazioni dei paesi sopra citati. Il parrocchetto monaco ama le boscaglie, pianure e colline, vicino a fonti d’acqua e nutrimento, vive in gruppo fino a 100 individui. Vive bene anche nelle nostre zone, infatti, sono riusciti a sopravvivere in molte città italiane, suscitando l’interesse di molte persone che si dividono tra gli amanti degli animali, e chi sostiene che lal’inclusione di specie alloctone porti svantaggi al nostro ecosistema, tuttavia potete leggere l’articolo di Romatoday cliccando qui

Aspetto e mutazioni

Il suo colore generale è di un verde chiaro, con fronte, guance e petto grigio chiaro, ventre giallognolo sfumato in verde; remiganti e timoniere blu. Ha il  becco bruno, iride marrone e zampe grigie. La taglia si aggira attorno ai 29 cm. In cattività esistono le mutazioni blu, lutino ed albino.

Alimentazione del Parrocchetto monaco

In natura si ciba di semi di cardi, di erbe prative, di alcuni alberi, frutta, bacche, fiori e occasionalmente larve e insetti. In cattività si alimenta con un misto di semi per parrocchetti, estrusi, frutta e verdura ed altri alimenti destinati ai parrocchetti.

Riproduzione

Il periodo riproduttivo del parrocchetto monaco inizia ad Ottobre. Costruisce dei nidi giganti, dove possono covare fino a 20 coppie raggiungendo un peso complessivo di 200kg. I nidi sono comunicanti e assomigliano a delle grandi fascine con tunnel comunicanti. La femmina depone da 4 a 8 uova, che coverà per circa 23 giorni. I piccoli si involano a circa 45 giorni e saranno svezzati intorno ai 60-70 giorni. In cattività possiamo fornire un nido in legno delle dimensioni di 30x30x45H con spessore da almeno 15mm, e mettere a disposizione rami con cui possano foderare il nido.

parrocchetto monaco
Esempio di nido di parrocchetto monaco

Quanto costa un parrocchetto monaco?

Il prezzo del parrocchetto monaco varia in base alla mutazione ed alla selezione. Tuttavia per una coppia ancestrale il prezzo è di circa 120€, mentre per un pullo allevato a mano, dagli 80€ a salire in base alla mutazione. Ricordo inoltre che il parrocchetto monaco è tutelato dalla normativa CITES – allegato B, pertanto per la cessione e l’acquisto è necessario attenersi a delle regole come: compilare il modulo di cessione, aver denunciato i riproduttori e le nascite, aver anellato i pullus con anello inamovibile.

Conclusione

Il parrocchetto monaco è un pappagallo molto allevato e da il meglio di se quando allevato a mano. Riesce ad integrarsi benissimo in famiglia, anche se può risultare fastidioso per il suo canto gracchiante ed acuto. Ti lascio un interessante video di Fanpage dove ti spiega la colonizzazione di questi fantastici parrocchetti:

Vuoi approfondire questo argomento? Parlane con altri appassionati come te!
Ti aspettiamo sulla  Pagina Facebook  e sul Profilo Twitter, vienici a trovare!

Leggi Anche:

Il Conuro Guance Verdi – Pyrrhura Molinae

Il Conuro guance verdi è un bellissimo pappagallo che popola le zone boschive di Brasile, …

Lorichetto arcobaleno (o lori)

Il lorichetto arcobaleno è un simpatico abitante delle foreste Australiane, dalle quali vengono la maggior …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.