Home » Malattie, Igiene e Cure Dei Pappagalli ed Uccelli » Pullo con Zampe Deformate o Divaricate: Come Comportarsi

Pullo con Zampe Deformate o Divaricate: Come Comportarsi

Ciao a tutti i lettori di questo portale. Oggi voglio parlarvi di una deformazione delle zampe, ovvero il pullo nasce, o cresce con le zampe che tendono verso l’esterno. Questo fatto può dipendere da vari fattori, quello principale è che i genitori per entrare nel nido schiacciano il pullo, questo accade in nidi troppo stretti o non adatti, infatti consiglio a pappagalli come agapornis un nido a doppia camera orizzontale. Ma alla base di questa deformazione può esserci anche una questione alimentare come l’assenza nella dieta di calcio. Questa deformazione non la troviamo soltanto nei pullus di pappagalli, ma anche nelle quaglie, pulcini, conigli, galline e tante razze ancora.

Non dovete preoccuparvi in quanto possiamo recuperare il fatto prima del mese di età tranquillamente, mentre dopo le possibilità di rimedio si dimezzano in quanto il pullus sviluppa sempre più, ed è difficile correggere questa deformazione. Per rimediare a questa malformazione dobbiamo costruire un “tutore” fai-da-te che impedirà al pullo di tenere allargate le zampe, riportandole nella posizione corretta in modo da correggere la posizione delle zampe.

Per costruire il tutore ci servirà una spugna di quelle per il make-up, oppure un pezzettino di gommapiuma da ritagliare in queste dimensioni: L 4cm x P 2.5cm x H 0.50cm, se il pullo dovesse essere troppo grande o troppo piccolo potete modificare le dimensioni in base al pullus, dopodichè dobbiamo praticare due fori nella spugna dove inseriremo le gambe del piccolo, non troppo stretti da peggiorare la situazione, ne troppo larghi per non risolvere nulla o impedire al pappagallo di sfilarsi il tutore, vediamo come fare:tutore per le gambe uccelli

 

Come vedete nell’immagine abbiamo preparato la spugnetta, e stiamo praticando il foro con una forbire, ora vediamo il risultato, cosi potrete vedere la posizione corretta del pullo:pullo-cocorita-con-tutore-gommapiuma

 

Termino l’articolo facendo alcune precisazioni. Esistono innanzitutto vari metodi come quello di mettere del nastro, ma lo trovo poco igienico e la colla presente sul nastro, a contatto con le zampette, a me non piace. Ho trovato questo funzionale, igienico,ed efficace.  Per avere un risultato migliore, è bene non rimettere il pullo nuovamente nel nido dopo avergli messo il tutore, in quanto i genitori tenterebbero di rimuoverlo, quindi, allevatelo a mano, e cambiategli la spugnetta anche ogni giorno se necessario ( controllate quanto è sporca quotidianamente ), e lasciate il tutore 10 giorni prima di rimuoverlo completamente. Ripeto che è importante agire immediatamente, che più si va avanti, e meno sarà possibile rimediare a questa deformazione.

Vuoi approfondire questo argomento? Parlane con altri appassionati come te!
Ti aspettiamo sulla  Pagina Facebook  e sul Profilo Twitter, vienici a trovare!



LIBRO CONSIGLIATO

About Emanuele Perrone

Mi chiamo Emanuele, ho 26 anni e vengo da Roma. L'amore per gli animali mi accompagna da anni e mi accompagnerà per sempre. Ogni giorno sono in prima linea per diffondere la felicità, l'amore, l'affetto che loro sanno dare, a tutte quelle persone che ancora non credono all' importanza di avere un pappagallo in casa. Grazie a loro, ho sconfitto una malattia cronica invalidante, e non smetterò mai di condividere questa gioia con il Web, oltre ad offrire a tutti questo portale GRATUITO con notizie e tutorial scritti da me, dopo aver maturato oltre 10 anni di esperienza nell'allevamento di Psittacidi ed Uccelli esotici nel mio "Allevamento Amatoriale La Piuma" che mi accompagna da anni donandomi gioia ed immense soddisfazioni. Vi aspetto sul mio canale Youtube, le pagine Facebook, l'account Twitter dove quotidianamente condivido questa immensa passione con tutti, per farli innamorare, per stupirli e per esternare questa grande gioia che giornalmente queste splendide creature mi trasmettono.

Leggi Anche:

Il Foraging e la Curiosità dei Pappagalli

Foraging è una parola inglese che significa “andare alla ricerca di cibo” e riveste un …

Lascia un commento

Questo sito web utilizza cookies, anche di terze parti, continuando la navigazione accetti il loro utilizzo maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi