Home » Tutorial, Guide e Tecniche di Allevamento » Pappagallo Smarrito… Che fare?

Pappagallo Smarrito… Che fare?


Purtroppo è frequentissimo, per sviste, che il nostro amico pappagallo fugga via dalla nostra abitazione. E’ un istinto, o forse spaventato da qualcosa.
Per evitare questo fenomeno consigliamo di tagliare le ali, ma non tutti amano questa pratica. Quindi vediamo come muoverci per cercare di recuperare il nostro pappagallo.

Premetto che anche a me è volato dal balcone un inseparabile di due anni, scappando sull’albero più alto del quartiere. Con molta calma l’ho chiamato, dolcemente, gli ho fatto vedere le gabbia, ho preso un po di mangime, e dopo circa 5 minuti di relax sul ramo il pappagallino è tornato. Comunque vi elenco le due vie fondamentali per riuscire a recuperarlo:

  1. Stampare dei volantini, fatti con microsoft word o works, in cui mettiamo una foto del pappagallo smarrito, e attacchiamoli in tutto il quartiere, in posti frequentati come centri commerciali, stazioni e fermate di autobus, probabilmente entro le prime 24 ore avremo maggior possibilità di recuperare il pappagallo in quanto non farà tanta strada.
  2. Iscriversi e mettere il proprio annuncio online sul sito http://pappagallipersi.altervista.org/wordpress/smarriti/ questo sito è il punto di riferimento per i pappagalli smarriti, e cogliamo l’occasione per complimentarci con Valeria per il suo progetto.

Tuttavia possiamo provare anche altre strade. Innanzitutto prima di eseguire i due punti sopra descritti, usciamo e dirigiamoci verso la direzione probabile della sua fuga. Chiamiamolo, facciamo dei versi che lui conosce bene. Se abbiamo un pappagallo della sua stessa specie, portiamolo con noi in gabbia, si chiameranno a vicenda.  Dirigiamo il nostro sguardo verso alberi e palazzi. Probabilmente il pappagallo sarà appollaiato su un ramo, o su un tetto.  Generalmente un pappagallo che fugge non si allontana, rimanendo nel raggio di 1.5 km. Circondate la zona se siete in tanti, avvertite vicini di casa e amici.


Nel caso di avvistamento non spaventatelo, non prendete bastoni o oggetti che lo infastidiscano, ogni tanto spostiamoci per non farci più vedere per rendere il pappagallo più ansioso, probabilmente volerà da noi.Seguiamo ogni suo spostamento con lo sguardo e continuiamo a chiamarlo. Portiamoci la sua gabbia, le sue ciotole per invocarlo a scendere.

Nel caso si stia facendo notte, la probabilità di ritrovarlo si dimezza. I pappagalli poco prima del calare del sole cercano un riparo dove pernottare. Quindi effettueranno un altro volo alla ricerca di un bell’albero. Ricominceranno a volare il giorno dopo verso le 8.

Se non avete trovato il pappagallo procedete con i due punti descritti sopra, ed inoltre Informate della perdita:

•  Le associazioni animaliste
•  I veterinari locali
•  Gli zoo locali
•  I negozi di articoli per animali
•  La Polizia

Vi auguro di trovare il vostro pappagallino.  In ogni caso non perdete mai la speranza, e invitiamo tutte le persone che avvistano pappagalli e trovano locandine per strada, di chiamare il diretto interessato, è importante sapere dove il pappagallo è stato avvistato!!

About Emanuele Perrone

Mi chiamo Emanuele, ho 26 anni e vengo da Roma. L'amore per gli animali mi accompagna da anni e mi accompagnerà per sempre. Ogni giorno sono in prima linea per diffondere la felicità, l'amore, l'affetto che loro sanno dare, a tutte quelle persone che ancora non credono all' importanza di avere un pappagallo in casa. Grazie a loro, ho sconfitto una malattia cronica invalidante, e non smetterò mai di condividere questa gioia con il Web, oltre ad offrire a tutti questo portale GRATUITO con notizie e tutorial scritti da me, dopo aver maturato oltre 10 anni di esperienza nell'allevamento di Psittacidi ed Uccelli esotici nel mio "Allevamento Amatoriale La Piuma" che mi accompagna da anni donandomi gioia ed immense soddisfazioni. Vi aspetto sul mio canale Youtube, le pagine Facebook, l'account Twitter dove quotidianamente condivido questa immensa passione con tutti, per farli innamorare, per stupirli e per esternare questa grande gioia che giornalmente queste splendide creature mi trasmettono.

Leggi Anche:

La Coccidiosi: Prevenzione e Cure

Eccoci ad un nuovo articolo molto richiesto dai miei amici di Facebook. Ho aiutato a …

Lascia un commento

Questo sito web utilizza cookies, anche di terze parti, continuando la navigazione accetti il loro utilizzo maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi