Home » Approfondimenti Sulle Specie » Le Specie: Uccellini ed Esotici » Il Diamante di Gould o “Chloebia gouldiae”

Il Diamante di Gould o “Chloebia gouldiae”

Oggi vi voglio parlare di questo fantastico uccellino che sto allevando ormai da tempo.
Partiamo dall’origine, il suo nome, diamante di “Gould” gli è stato attribuito dal naturalista “John Gould” che venne a conoscenza di questi bellissimi uccellini durante i suoi viaggi in Australia, terra nativa di questi esemplari ( Australia Settentrionale per la precisione ).
Il diamante di Gould misura circa 14cm, vive in gruppi stanziali molto numerosi nelle foreste australiane, ha un carattere molto pacifico e socievole, amano il sole e vanno ben curati affinchè il loro piumaggio risulti sempre brillante e vivo.
Il dismorfismo sessuale è facilmente riconoscibile, infatti le femmine hanno un colore più tenue e meno brillante della livrea, del petto e del ventre, la mascherina facciale meno estesa ed il collare azzurro meno evidente.
Questo uccellino si alimenta, essendo granivoro, con una miscela di semi per uccelli tropicali-esotici, contenente vari tipi di miglio. Apprezzano anche piccoli insetti e pastoncino per insettivori dato senza esagerazione. Importante anche il grit e le spieghe di panico.

Per quanto riguarda la riproduzione, i diamanti di gould si sono fatti una nomea di specie difficile da allevare, perchè le femmine non covano per tutto il periodo le uova o abbandonano il nido subito dopo la deposizione. In natura il periodo riproduttivo coincide generalmente con l’inizio della stagione delle piogge, così da assicurare ai piccoli quantità sufficente di cibo quando usciranno dal nido. Il maschio corteggia la femmina rimanendo impettito, arruffando le penne del petto e tenendo le penne della nuca ben erette, ed “annuendo” continuamente in direzione della femmina, in modo tale da mostrarle la sgargiante colorazione: dal canto suo, la femmina segnala la propria disponibilità all’accoppiamento rimanendo accovacciata e spostando lateralmente la coda. Per riprodurre questa specie in cattività, gli allevatori si servono delle “balie” ovvero i passeri del Giappone, che coveranno le uova e si prenderanno cura dei piccoli Gould. Il nido per i diamanti di gould deve essere a cassetta semichiusa, lasciando a loro disposizione il materiale per imbottirla.


Vuoi approfondire questo argomento? Parlane con altri appassionati come te!
Ti aspettiamo sulla Pagina Facebook e sul Profilo Twitter, vienici a trovare!

About Emanuele Perrone

Mi chiamo Emanuele, ho 26 anni e vengo da Roma. L'amore per gli animali mi accompagna da anni e mi accompagnerà per sempre. Ogni giorno sono in prima linea per diffondere la felicità, l'amore, l'affetto che loro sanno dare, a tutte quelle persone che ancora non credono all' importanza di avere un pappagallo in casa. Grazie a loro, ho sconfitto una malattia cronica invalidante, e non smetterò mai di condividere questa gioia con il Web, oltre ad offrire a tutti questo portale GRATUITO con notizie e tutorial scritti da me, dopo aver maturato oltre 10 anni di esperienza nell'allevamento di Psittacidi ed Uccelli esotici nel mio "Allevamento Amatoriale La Piuma" che mi accompagna da anni donandomi gioia ed immense soddisfazioni. Vi aspetto sul mio canale Youtube, le pagine Facebook, l'account Twitter dove quotidianamente condivido questa immensa passione con tutti, per farli innamorare, per stupirli e per esternare questa grande gioia che giornalmente queste splendide creature mi trasmettono.

Leggi Anche:

Nidi per Pappagalli – Tipologie e Consigli

I Nidi per Pappagalli… Quali e come sceglierli? Molto spesso mi trovo a girovagare su …

Lascia un commento

Questo sito web utilizza cookies, anche di terze parti, continuando la navigazione accetti il loro utilizzo maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi