Home » Tutorial, Guide e Tecniche di Allevamento » Incubazione Artificiale Di Uova: Tutto Quello che C’è da Sapere

Incubazione Artificiale Di Uova: Tutto Quello che C’è da Sapere


In un articolo precedente, abbiamo postato il video di una schiusa e conseguente nascita di piccole quaglie comuni.

Questa tecnica è detta incubazione artificiale, in quanto, la quaglia, nel mio allevamento, non covava spontaneamente le uova, e per rimediare ho acquistato una incubatrice.

L’incubatrice non è altro che un contenitore di plastica, dove vengono disposte fino a 54 uova di gallina. Questo contenitore mantiene una temperatura costante di 37.7 gradi, sufficiente a far sviluppare l’embrione nell’uovo.

Molte persone si lamentano per il cattivo funzionamento dell’incubatrice, ma spesso, per la maggior parte delle cause, la non riuscita delle schiuse è data dalla non curanza di alcune regole fondamentali.

Elenchiamo queste 4 regole.

  1. Temperatura Interna: abbiamo detto, fissa a 37.7 gradi, può oscillare di +0.2 o o -0.2 poco importa.
  2. Temperatura Esterna: dobbiamo considerare anche la temperatura esterna, ovvero il locale in cui l’incubatrice è posta, per una buona riuscita è consigliata una temperatura tra i 18° e i 24°, e l’incubatrice deve essere lontana da correnti di aria e lontana dal sole diretto in quanto influisce molto sulla costanza della temperatura interna.
  3. Umidità: Deve essere compresa tra il 52 e il 55%, ogni incubatrice avrà delle vaschette da riempire con dell’acqua che porteranno all’interno la giusta umidità.
  4. Le Uova: Prima dell’incubazione devono essere mantenute in un locale ad una temperatura di 20° con umidità compresa tra il 55 ed il 75%, e fondamentale, non incubare uova dopo una settimana dalla covata, perchè la percentuale di schiusa dopo la settimana è quasi nulla.

Dopo questi 4 piccoli e fondamentali accorgimenti passiamo all’incubazione.

L’incubatrice va accesa qualche ora prima dell’inserimento delle uova, in modo che la temperatura si assesti bene e l’umidità arrivi al giusto tasso.

Inseriamo le uova negli alveoli e giriamole almeno 4 volte al giorno.

Si consiglia naturalmente il girauova automatico, perchè le gira anche 8-9 volte al dì. Stiamo attenti sempre al termometro dell’incubatrice, e ricordiamoci di rabboccare l’acqua dei canali che mantengono l’umidità ogni 2 giorni, con acqua tiepida.

Vi riporto di seguito, una piccola tabella per vedere dopo quanti giorni avverrà la schiusa:

Quaglie 16-17
Gallina 21
Pernice 24
Fagiano 24
Faraona 26
Anatra 28
Tacchino 28
Oca 31
Anatra Muta 34
La schiusa inizia negli ultimi due giorni dell’incubazione in cui le uova andranno tolte dagli alveoli/separatori e disposte coricate sulla griglia di base. I piccoli pulcini andranno lasciati nell’incubatrice per almeno 24/48 h e potranno anche non mangiare per un giorno intero.
Successivamente a questa fase, il pulcino richiederà molta attenzione. Andrà messo in una scatola di cartone o legno, e gli andrà puntata una lampada per riscaldarsi. Dovrà abituarsi dai 37.7 gradi alla nostra temperatura.
Quindi la lampada inizialmente sarà più bassa e progressivamente si alzerà per abbassare la temperatura e lasciare che il pulcino si abitui.
Per l’alimentazione consiglio il mangime giallo chiamato ovaiolo, fino o prodotti a base di semola che il pulcino non abbia difficoltà a mangiare.
Mentre, per l’acquisto dell’incubatrice, consiglio INCUBATRICI BOROTTO, facilmente acquistabili su ebay.it
Ricordo che durante la fase di incubazione, le uova andranno sperate, ovvero andrà vista la costante crescita del pulcino al suo interno, per questo, farò un articolo in un secondo momento.

Vuoi approfondire questo argomento? Parlane con altri appassionati come te!
Ti aspettiamo sulla  Pagina Facebook  e sul Profilo Twitter, vienici a trovare!

 


About Emanuele Perrone

Mi chiamo Emanuele, ho 26 anni e vengo da Roma. L'amore per gli animali mi accompagna da anni e mi accompagnerà per sempre. Ogni giorno sono in prima linea per diffondere la felicità, l'amore, l'affetto che loro sanno dare, a tutte quelle persone che ancora non credono all' importanza di avere un pappagallo in casa. Grazie a loro, ho sconfitto una malattia cronica invalidante, e non smetterò mai di condividere questa gioia con il Web, oltre ad offrire a tutti questo portale GRATUITO con notizie e tutorial scritti da me, dopo aver maturato oltre 10 anni di esperienza nell'allevamento di Psittacidi ed Uccelli esotici nel mio "Allevamento Amatoriale La Piuma" che mi accompagna da anni donandomi gioia ed immense soddisfazioni. Vi aspetto sul mio canale Youtube, le pagine Facebook, l'account Twitter dove quotidianamente condivido questa immensa passione con tutti, per farli innamorare, per stupirli e per esternare questa grande gioia che giornalmente queste splendide creature mi trasmettono.

Leggi Anche:

La Psittacosi, Sintomi e Cure

La Psittacosi è una delle poche malattie che i nostri pappagalli possono trasmetterci. E’ considerata ...

Lascia un commento

Questo sito web utilizza cookies, anche di terze parti, continuando la navigazione accetti il loro utilizzo maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

Powered by themekiller.com anime4online.com animextoon.com apk4phone.com