Home » Alimentazione e Salute in Generale » L’Osso di Seppia: A Cosa Serve, Come Risparmiare Sull’Acquisto

L’Osso di Seppia: A Cosa Serve, Come Risparmiare Sull’Acquisto


Girovagando per i vari negozi e le agricole, mi è venuto un dubbio ed ho pensato a come risolverlo.
Perchè un piccolo osso di seppia arriva a costare anche 1.50E? Come posso fare a risparmiare dato che ho svariate coppie e svariate gabbie che mi partirebbero oltre 100 euro di ossi di seppia all’anno?

Innanzitutto, partiamo dalla seppia. La seppia è un mollusco cefalopode, ossia dotato solo di testa e piedi.
Appartiene alla stessa famiglia dei polpi ed ha grandi capacità mimetiche, oltre ad avere la classica sacca riempita di inchiostro che usa in momenti di pericolo per sfuggire ai predatori. Il suo corpo è sostenuto da una conchiglia, ovvero l’osso di seppia pieno di bollicine e gas che consentono alla seppia di galleggiare.

A cosa serve? L’osso di seppia contribuisce alla fortificazione delle ossa grazie al contenuto di “carbonato di calcio”, quindi essenziale per i soggetti in cova, favorendo la formazione del guscio delle uova, oltre che limare e pulire il becco, ed evitarne la crescita eccessiva. Un “oggetto” indispensabile per la gabbia dei nostri uccelli/pappagalli.

Come risparmiare? Siamo arrivati alla domanda essenziale. L’osso di seppia, essendo un prodotto 100% naturale, possiamo trovarlo al mare, o nelle pescherie. Al mare, ad esempio, soprattutto nei posti sottoposti a sequestro o mari inagibili, se ne trovano in quantità ( l’altro giorno in un mare della capitale, ne ho trovati 50 ) va sfruttato anche il periodo fuori stagione, dove i posti non sono frequentati e non sono puliti. Passeggiando sulla spiaggia è facile trovarli, altrimenti come dicevo prima, ci si può rivolgere alle pescherie, che pulendo le seppie scartano l’osso. Quindi, possiamo accordarci su un prezzo irrisorio, o provare a farceli regalare. Ma come ben sapere, l’osso di seppia fresco puzza, è sporco, e potrebbe contenere sostanze nocive ( mari inquinati ), quindi ora spiegherò anche come trattarlo.

Per trattare un osso di seppia raccolto al mare o preso da una pescheria, è necessario farlo/i bollire in una pentola per 15 minuti, con l’aggiunta di un cucchiaio di aceto ( per eliminare l’odore forte ), dopodichè va fatto asciugare al sole o in un fornetto lentamente. Da notare l’ultimo passaggio, da fare bene altrimenti l’osso ammuffisce e dobbiamo buttarlo.

About Emanuele Perrone

Mi chiamo Emanuele, ho 26 anni e vengo da Roma. L'amore per gli animali mi accompagna da anni e mi accompagnerà per sempre. Ogni giorno sono in prima linea per diffondere la felicità, l'amore, l'affetto che loro sanno dare, a tutte quelle persone che ancora non credono all' importanza di avere un pappagallo in casa. Grazie a loro, ho sconfitto una malattia cronica invalidante, e non smetterò mai di condividere questa gioia con il Web, oltre ad offrire a tutti questo portale GRATUITO con notizie e tutorial scritti da me, dopo aver maturato oltre 10 anni di esperienza nell'allevamento di Psittacidi ed Uccelli esotici nel mio "Allevamento Amatoriale La Piuma" che mi accompagna da anni donandomi gioia ed immense soddisfazioni. Vi aspetto sul mio canale Youtube, le pagine Facebook, l'account Twitter dove quotidianamente condivido questa immensa passione con tutti, per farli innamorare, per stupirli e per esternare questa grande gioia che giornalmente queste splendide creature mi trasmettono.

Leggi Anche:

Agapornis Nigrigenis o “Inseparabile guance Nere”

L’agapornis Nigrigenis ha una grandezza di circa 14 cm, generalmente verde con maschera facciale bruno rossiccia …

Lascia un commento

Questo sito web utilizza cookies, anche di terze parti, continuando la navigazione accetti il loro utilizzo maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi