Home » Alimentazione e Salute in Generale » L’alimentazione Corretta per L’allevamento dei Pappagallini

L’alimentazione Corretta per L’allevamento dei Pappagallini


Per una buona crescita e salute del pappagallo è importante variare la dieta.
L’errore più frequente nell’allevamento di pappagalli imboccati a mano e non, è quello di alimentarli solo con il “misto per parrocchetti” che in prevalenza è formato da miglio e semi di girasole.
I semi di girasole non costituiscono una dieta salutare in quanto grassi e danneggiano il fegato.
I pappagallini amano anche altri tipi di sementi come scagliola, avena, canapa, miglio bianco ed è bene fornirgli almeno due volte al mese una spiga di panico facilmente acquistabili nei negozi di animali.
Oltre le sementi è bene variare, infatti dobbiamo lasciare a disposizione del nostro amico frutta e verdura fresca, in quanto in natura ne va ghiotto.
Fra le sue preferite citiamo insalata, mela e cicorione.
Può capitare che il pappagallo sia molto diffidente a nutrirsi cambiando dieta da un giorno all’altro, dovremo conquistare la sua fiducia piano piano.
Suggerisco anche pastoncini all’uovo,stecchi e misti di frutta e verdura secca acquistabili nei negozi di animali.

 

Per chi volesse acquistare singolarmente ogni ingrediente in agricola per comporre un misto ottimo può seguire queste dosi:

miglio giallo 33%
miglio bianco 13%
scagliola 16%
avena decorticata 9% (da calare in estate)
cartamo 4%
grano saraceno 4%
risone 3,5%
lino 2%
canapa 2% (da aumentare nel precova ma dopo la deposizione ritornare a questi valori)
sorgo rosso 3,5%
frumento 3%
panico 3%
girasole piccolo striato 4% (nell’allevamento dei pulli ed in inverno in estate calare a 2% ed aumentare la scagliola)

Fin’ora ho parlato dell’alimentazione dei pappagallini adulti, concludo l’articolo parlando brevemente dell’alimentazione nei primi mesi di vita.

Nella fase primaria, quando il pappagallino dopo 15-20 giorni viene tolto dal nido, andrà nutrito con il NUTRIBIRD A21 o pappe similari.

Questa, contiene tutte le proteine e vitamine necessarie alla crescita e sviluppo del pappagallo.
E’ una polvere che va miscelata in un bicchierino di acqua calda affinchè diventi pastosa come un omogenizzato, andrà messa in una siringa e somministrata al nostro piccolo amico.
Successivamente a questa fase, dopo circa 3-4 mesi, il pappagallino andrà svezzato.
Verrà messo in una gabbia quando completo di piumaggio, e nella vaschetta messo del pastino in modo che il piccolo comincerà a beccare. In questa fase verrà accompagnato comunque dal nutribird a21 fino al suo completo svezzamento.
Quando comincerà a beccare il pastino, possiamo miscelarlo insieme a qualche seme di miglio.
Infine, possiamo seguire tutto ciò che è scritto sopra come alimentazione futura del pappagallo.

Vuoi approfondire questo argomento? Parlane con altri appassionati come te!
Ti aspettiamo sulla  Pagina Facebook  e sul Profilo Twitter, vienici a trovare!


About Emanuele Perrone

Mi chiamo Emanuele, ho 26 anni e vengo da Roma. L'amore per gli animali mi accompagna da anni e mi accompagnerà per sempre. Ogni giorno sono in prima linea per diffondere la felicità, l'amore, l'affetto che loro sanno dare, a tutte quelle persone che ancora non credono all' importanza di avere un pappagallo in casa. Grazie a loro, ho sconfitto una malattia cronica invalidante, e non smetterò mai di condividere questa gioia con il Web, oltre ad offrire a tutti questo portale GRATUITO con notizie e tutorial scritti da me, dopo aver maturato oltre 10 anni di esperienza nell'allevamento di Psittacidi ed Uccelli esotici nel mio "Allevamento Amatoriale La Piuma" che mi accompagna da anni donandomi gioia ed immense soddisfazioni. Vi aspetto sul mio canale Youtube, le pagine Facebook, l'account Twitter dove quotidianamente condivido questa immensa passione con tutti, per farli innamorare, per stupirli e per esternare questa grande gioia che giornalmente queste splendide creature mi trasmettono.

Leggi Anche:

Agapornis Nigrigenis o “Inseparabile guance Nere”

L’agapornis Nigrigenis ha una grandezza di circa 14 cm, generalmente verde con maschera facciale bruno rossiccia ...

Lascia un commento

Questo sito web utilizza cookies, anche di terze parti, continuando la navigazione accetti il loro utilizzo maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

Powered by themekiller.com anime4online.com animextoon.com apk4phone.com