Home » Alimentazione e Salute in Generale » La Spiga di Panico: A Cosa Serve e Come Coltivarla

La Spiga di Panico: A Cosa Serve e Come Coltivarla

Il panìco è un tipo di pianta appartenente alla famiglia delle graminacee, si trovano molto facilmente nei negozi di animali e nelle agricole, ed è un alimento che i pappagalli ed uccellini gradiscono molto.

Cominciamo col dire che la spiga di panico non è essenziale, perchè il seme del panico è già integrato nel misto semi che forniamo ai nostri pappagalli. Ma, questo prodotto è utilissimo in due circostanze, la prima è lo svezzamento dei pappagalli. I pulli in fase di svezzamento infatti, iniziano a mangiare da soli giocando; per imitazione dei genitori si fiondano sulle spighe di panico e si divertono a strapparne i pezzi con il becco. Essendo il panico un seme molto tenero e di facile digeribilità, iniziano a spizzicarlo curiosi dalla spiga, rendendo così più facile e meno brusco il distacco tra l’imbeccata quotidiana e costante dei genitori e il totale svezzamento.
La seconda circostanza in cui è bene mettere la spiga, è nel caso ci siano pappagalli stressati, soli, o con problemi di salute. Infatti la spiga agisce anche come “diversivo” i pappagalli cominciano a beccarla mangiando, e passandoci il tempo, utile anche in caso di voliere affollate per evitare che i pappagalli si aggrediscano a vicenda o per fargli fare pian piano amicizia.
Nei negozi di animali e nelle agricole, oltre alle spighe, è possibile acquistare il panico in sacchetti da 1kg o 5kg, senza spiga, proprio come quello che vedete nella foto di questo articolo.

Dopo aver spiegato cosa è la spiga di panico, ed a cosa serve… Voglio spiegarvi come si coltiva. Avete capito bene!! Oltre a risparmiare, sappiamo da dove provengono, e la soddisfazione sarà maggiore!! Il panico è una pianta che raggiunge l’altezza di 1-1,5 metri e presenta un ciclo colturale relativamente breve (circa 3-4 mesi). Resiste alla siccità ed alle elevate temperature e invece sensibile al freddo e ai ristagni idrici è infatti una piante tropicale.
La semina (a fine primavera o inizio estate) viene eseguita a file distanti 20-40 cm, impiegando 5-6 kg di seme ad ettaro per il panico, ma a casa, possiamo piantarlo in vasi sparpagliando una manciata di semi e coprendoli con un leggero strato di terra morbida come la torba.
Possiamo raccogliere le spighe anche verdi e somministrarle ai nostri pennuti, perchè contengono delle vitamine in più che con l’essiccazione vanno perse.

Vuoi approfondire questo argomento? Parlane con altri appassionati come te!
Ti aspettiamo sulla Pagina Facebook e sul Profilo Twitter, vienici a trovare!

About Emanuele Perrone

Mi chiamo Emanuele, ho 26 anni e vengo da Roma. L'amore per gli animali mi accompagna da anni e mi accompagnerà per sempre. Ogni giorno sono in prima linea per diffondere la felicità, l'amore, l'affetto che loro sanno dare, a tutte quelle persone che ancora non credono all' importanza di avere un pappagallo in casa. Grazie a loro, ho sconfitto una malattia cronica invalidante, e non smetterò mai di condividere questa gioia con il Web, oltre ad offrire a tutti questo portale GRATUITO con notizie e tutorial scritti da me, dopo aver maturato oltre 10 anni di esperienza nell'allevamento di Psittacidi ed Uccelli esotici nel mio "Allevamento Amatoriale La Piuma" che mi accompagna da anni donandomi gioia ed immense soddisfazioni. Vi aspetto sul mio canale Youtube, le pagine Facebook, l'account Twitter dove quotidianamente condivido questa immensa passione con tutti, per farli innamorare, per stupirli e per esternare questa grande gioia che giornalmente queste splendide creature mi trasmettono.

Lascia un commento

Questo sito web utilizza cookies, anche di terze parti, continuando la navigazione accetti il loro utilizzo maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi